Quanto si rischia con le opzioni?



Come ogni buon trader dovrebbe fare, vediamo quanto si rischia con le opzioni.


Se le compro, rischio solo il prezzo che ho pagato: il mio conto scenderà di quel valore.

Se le vendo, incasserò il premio ma, esponendomi al rischio di dover onorare il contratto, mi verrà richiesto un margine (analogamente al future).


Quanto sarà il margine richiesto? Proporzionale al valore del sottostante.

Empiricamente (ma non a caso) uguale a uno spostamento del 10% in senso opposto, ovvero se vendo una put Fiat 10 muovendo 5000 euro il margine richiesto sarà quindi di circa 500 euro.

E’ evidente in questo caso che il rischio massimo è che il titolo vada a zero e io possa perdere tutti i 5000 euro.


Questa evenienza ci permette di parlare di combinazioni di opzioni ovvero delle strutture che regolino, entro certi termini, i nostri guadagni e i nostri rischi.

Perché nessuno vieta di pagare un po’ meno una comprata vendendone un’altra ad uno strike differente: certo, questo incasso ci vieterà un guadagno “illimitato”come si legge spesso, ma noi un orizzonte lo abbiamo, ovvero la scadenza, quindi possiamo fare a meno di illuderci che diventeremo nababbi in 20 giorni.

Possiamo evitare di rischiare tutto vendendo e basta, semplicemente “riassicurandoci” comperando la cosiddetta copertura.

Per fare due conti come al solito si tiene presente il valore del punto del sottostante e la distanza degli strike: ad esempio compro Fiat strike 10 a 10, spendo 500 euro e vendo fiat strike 11 a 5 incassando 250 euro: la differenza di strike è 1(500 euro) ne incasso 250 e questa sara’ sia la mia massima perdita che il mio massimo guadagno.


Con le opzioni non si rischia la pelle vendendo opzioni più di quanto si rischi operando con i future ma bisogna sempre sapere che cosa si sta facendo.


Facciamo qualche esempio grafico:


Esempio di un acquisto di una call e di una put, due strategie che in teoria possono portare a "guadagni illimitati".


Qualche esempio di strategia a più gambe e con rischio ridotto:

  • Vertical Spread;

  • Iron Condor;

  • Calendar Spread;

  • BackSpread.


Con le opzioni la parte grafica semplifica molto la vita: esistono software che permettono di “vedere l’effetto che fa”e sono di grande utilità. A questo proposito, io utilizzo i software di Playoptions, sia gratuiti, sia a pagamento,e ritengo siano il meglio in Italia.



Post a cura di Sergio Buzzi


0 visualizzazioni

© 2019 by Francesco Buzzi | info@buztrading.com

  • Black Icon YouTube
  • Black Icon Instagram
  • Black Twitter Icon
  • Black Facebook Icon

P.IVA 10908790966  - Cod. Fiscale BZZFNC90L23F205C

Complete details for Facebook’s legal terms are are available at: https://www.facebook.com/legal/terms

All Facebook policies are available at: https://www.facebook.com/policies/

This site is not part of the Facebook website or Facebook Inc. Additionally, this site is NOT endorsed by Facebook in any way. FACEBOOK is a trademark of FACEBOOK, Inc.

DISCLAIMER

Il trading espone a rischi sostanziali di perdite, anche di tutto il capitale. Non si dovrebbe mai investire del capitale che non ci si può permettere di perdere. Le performance passate non sono indicative di performance future.

Il materiale presente non può essere inteso come una sollecitazione all’investimento di qualsiasi tipo. Tutto il materiale fornito da BuzTrading è originale e con la presente si accetta di farne un uso esclusivamente personale e di non divulgarlo.